Progetti


Il diario di bordo di un interscambio

Il racconto in prima persona dell’interscambio fra le classi di sesta delle sedi scolastiche Montalin e Santa Maria

Gli allievi della sesta classe del mo Arkus raccontano le impressioni raccolte nel corso dei tre giorni di interscambio con i compagni di Coira, con gli allievi della scuola bilingue dell’insegnante Ramona presso l’istituto scolastico Montalin.
Le occasioni di lasciare per brevi scampoli di tempo le aule scolastiche e il quotidiano curricolo scolastico sono sempre più sporadiche. Il ritmo imposto alla vita scolastica ha assunto ritmi paradossali. I programmi a volte sono lì a fiatarti sul collo e prendono le sembianze di spade di Damocle. Così i momenti di crescita extra muros assumono contorni davvero importanti perché unici attimi in cui l’allievo può mostrarsi sotto una luce diversa, così come pure l’insegnante.
Complimenti a chi riesce a ritagliarsi il tempo e a trovare l’energia per offrire agli allievi, oltre all’importante bagaglio nozionistico, anche possibilità di confronto con altre culture e realtà quotidiane.
L’interscambio ha il pregio di non essere come una meteora che scompiglia, ma è qualcosa che dura nel tempo. Il lavoro di conoscenza inizia prima, acquista in rapporti umani con il primo incontro, viene coltivato nei mesi seguenti e ritrova vigore e nuova linfa con il secondo incontro.
È qualcosa d’importante che lascia il segno.


Chapeau agli insegnanti.

 

Informazioni e materiale sul progetto

Per ulteriori informazioni rivolgersi a
 Arkus Raselli