Lo scultore Not Bott


 

 



La vita di Not Bott
Anni 60 |70 | 80 | 90
Antologia critica 1 2 3 4
Proposte didattiche
Sculture 1
Sculture 2

Impressum

 
  La vita di Not Bott (1927 - 1998)
 

Gian Casper Bott

Not Bott nasce il 14 maggio 1927 a Chaunt, un podere situato in posizione panoramica sopra Valchava in Val Monastero nel Cantone dei Grigioni. Il luogo d’origine della famiglia è Sta. Maria Val Müstair, località collegata a Bormio tramite il Passo dell’Umbrail. Il paese vicino è Müstair con il suo importante convento carolingio. Fin da bambino il suo rapporto con la natura è particolarmente intenso; osserva il volo degli uccelli, imita le loro voci. Da ragazzo scolpisce delle teste di soldati in radici trovate negli estesi boschi della sua valle natia. Dal 1948 è guardia di confine in varie località, tra cui Campocologno e Splügen. Dopo essersi sposato, nel 1955 si stabilisce a Poschiavo. Dal 1967 al 1988 lavora quale impiegato commerciale presso le Forze Motrici Brusio SA a Poschiavo.

Dal 1960 si dedica con regolarità alla scultura, favorito in questo anche dall’ambito artistico e intellettuale poschiavino che in quegli anni manifesta segni di ripresa e di rilancio. Proprio nel 1960, ad esempio, alla Palestra Comunale di Poschiavo si svolge un'importante "Mostra degli artisti grigionitaliani" in cui sono esposte alcune sculture in gesso e in bronzo di Alberto Giacometti (1901-1966).



Anni 60 | 70 | 80 | 90