Castelmur
Castelmur: il complesso fortificato di Castelmur, sorto nell'alto Medioevo, era formato da mura che bloccavano il passaggio (la cosiddetta "müraia"), sfruttando la strettoia della valle appena a nord di Promontogno, dalla torre di Castelmur e dalla chiesa di Nossa Donna, chiesa matrice della Bregaglia. Nel complesso castellano, simbolo del potere vescovile, vi si esigeva pure il dazio.
Fonte
Archivio federale dei monumenti, Berna

In
Storia dei Grigioni
Casagrande SA Bellinzona
p. 208
2000
Palazzo di Coltura
L'insolito palazzo di Coltura, a valle di Stampa, è del tutto estraneo al paesaggio circostante. La massiccia costruzione in cotto, che riunisce elementi architettonici storici italiani e moreschi, è stata edificata alla metà del secolo scorso dallo stravagante barone Giovanni de Castelmur, quale residenza di famiglia. Le massicce torri angolari, le caditoie e i merli ricordano l'architettura del Medioevo. All'interno delle sontuose sale aleggia invece l'atmosfera di grandezza un po' stantia, del 19° secolo.
Fonte
Christian Heeb

In
Michael Wolgensinger ©ProLitteris, Zürich/Fotostiftung Schweiz
Silva, Zurigo
p. 125
1994
Emigrazione
L'emigrazione è una delle grandi realtà demografiche della Svizzera e dell'Europa nel 19° sec. Il quadro mostra una partenza nella primavera del 1821. Al di là della stilizzazione esso è vero anche per il suo contenuto sociologico: la maggior parte degli emigranti sono giovani. Una giovane coppia coi figli - l'ultimo nato da poco- lascia per sempre la vecchia casa, già ricca di giovani.
Fonte
Gerth Roland

In
Zentralbibliothek Zürich
Casagrande SA Bellinzona
p. 181
0
Nel ranch di Frank Corda di Vogorno a Gonzales (1915)
Gonzales 1915: nel ranch di Frank Corda di Vogorno.
Fonte
proprietà di Giorgio Cheda / Locarno

In
La vita quotidiana in Svizzera dal 1300
Armando Dadò Editore Locarno
p. 247
0
Pubblicità Casa Italo-Svizzera Americana
Alcune banche ticinesi erano in relazione con la Casa Italo-Svizzera Americana di San Francisco che, oltre a spedire denari, forniva anche i biglietti a coloro che volevano rimpatriare.
Fonte
proprietà di Giorgio Cheda / Locarno

In
La vita quotidiana in Svizzera dal 1300
Armando Dadò Editore Locarno
p. 248
0
Il Barocco / Ritratto della Dama infelice / Albergo Albrici Poschiavo
"Ritratto della dama infelice", albergo Albrici a Poschiavo. L'opera è attribuita a fra' Galgario ed è stata realizzata tra il 1725 e il 1730.
Fonte
Pro Grigioni Coira

In
Storia dei Grigioni, vol. 2
Pro Grigioni italiano Coira / Edizioni Casagrande Bellinzona
p. 266
0
Gaspare Fodiga / cappella funeraria 1614
Gaspare Fodiga - Cappella funeraria realizzata a Checiny nel 1614 per se stesso dallo scultore grigionese emigrato in Polonia (Tipografia Menghini, Poschiavo). Lo splendore di questo altare non testimonia soltanto la fortuna accumulata dall'artista, ma anche la sua ascesa sociale: Fodiga divenne infatti sindaco della città in cui emigrò.
Fonte
Tipografia Men-ghini Poschiavo

In
Dizionario storico della Svizzera, vol. 5 (DSS)
Armando Dadò Editore, Locarno
p. 1
0
Gabriele de Gabrieli / ritratto allegorico / incisione di Jakob Haid
Gabriele de Gabrieli - Ritratto allegorico; incisione a fumo (maniera nera) realizzata attorno al 1740 da Johann Jakob Haid in base a un disegno di Johann Georg Bergmüller e un dipinto di J. Winter (ZBZ-GS). Il ritratto ovale poggia su un cartiglio in stile rococò che riporta l'elogio dell'architetto ed è circondato da strumenti di misurazione ed elementi architettonici. Sulla destra, un putto regge un progetto di variante del Prinzenschlössen situato nella città di Ansbach, una costruzione che rispecchiò le sue concezioni architettoniche e per la quale fu rinominato.
Fonte
Biblioteca centrale Zurigo Graphische Sammlung

In
Dizionario storico della Svizzera, vol. 5 (DSS)
Armando Dadò Editore, Locarno
p. 291
0
Poschiavini e Bregagliotti in Polonia e in Russia
Nel corso dell'Ottocento una piccola colonia di Poschiavini attivi nella pasticciera e nella ristorazione si stabilì a Varsavia. I locali gestiti dai grigionesi divennero dei luoghi importanti di aggregazione sociale; gli emigranti poschiavini sostennero pure i liberali polacchi nella loro lotta contro i Russi. Caffettieri poschiavini e bregagliotti si stabilirono in seguito anche a San Pietroburgo e in altre città dell'Europa orientale, riuscendo anche a superare le barriere linguistiche e ad integrarsi in quelle terre lontane.
Fonte
RSI Rete 2, Zolle - Pasticcieri e caffettieri grigionesi, 25.09.2003


Spirito imprenditoriale e mentalità
Molte famiglie grigioni sono rimaste per diverse generazioni proprietarie di pasticcerie, negozi e caffè in varie città europee, specialmente in Italia. Ma gli emigranti cercavano di mantenere sempre un contatto con la loro patria d'origine e vivevano spesso un conflitto tra volontà d'integrazione e nostalgia di casa.
Fonte
RSI Rete 2, Zolle - Pasticcieri e caffettieri grigionesi, 25.09.2003


Geografia e sociologia dell'emigrazione retica
L'emigrazione retica ha dato origine a imprese familiari e a reti di contatto tra i luoghi provenienza e di destinazione, per reclutare apprendisti e collaboratori tra i convallerani; ciò occasionava scambi intensi tra paese d'origine e città di destinazione. Ma la solidarietà tra compatrioti non garantiva condizioni di lavoro vantaggiose.
Fonte
RSI Rete 2, Zolle - Pasticcieri e caffettieri grigionesi, 23.09.2003


Il ruolo dei grigionesi nella pasticceria
Assai presto buona parte degli emigranti provenienti dai Grigioni si sono specializzati nella pasticceria e mestieri affini: osti, esercenti, fornai, confettieri, ecc., dapprima a Venezia e in altre città italiane, poi in numerosi paesi europei.
Fonte
RSI Rete 2, Zolle - Pasticcieri e caffettieri grigionesi, 22.09.2003


I vetrai di Mesolcina e Calanca
La vicenda dei vetrai del Moesano emigrati in Francia ricostruita attraverso gli oggetti e le lettere giunti fino a noi: dal contratto di apprendistato al viaggio dell'emigrante; dalle lettere spedite ai familiari a casa, alla rievocazione del mestiere di vetraio ambulante.
Fonte
RSI, Radioscuola - Testimonianze del nostro passato, 25.01.1980